Settembre

Caro settembre ti scrivo, cosi mi rilasso un po’ . L’estate è finita ormai e più forte io mi sentirò. L’anno vecchio è passato con grandi novità ma ora è tempo ormai di ripartire, qua. Settembre: mensis «mese» der. di septem «sette» – Il nono mese dell’anno nel calendario giuliano e gregoriano, il settimo (donde … More Settembre

Marinai

Risvegli lenti, confusione e stupore nel riconoscere la pioggia battente e così salutare questa giornata. Respirare, nel sentire la fortuna di un frigo pieno, della possibilità di fare le crêpes che rimandi da mesi, di ascoltare quell’album e finire di scrivere quel brano. Risvegli in un cosmo smosso da nuove onde che lentamente impariamo a … More Marinai

Consigli del giorno

Così mi alzai presto, nell’assenza di chi mi coccola con il profumo di caffè e crêpes, mi preparai in solitaria la colazione ed andai a regalarmi dei fiori. // Donati il pane per il corpo ed i fiori per l’anima // Macchie di Chinà Auguri

 wabi-sabi (侘寂)

wabi-sabi (侘寂) Bellezza imperfetta, non duratura e incompleta, così come imperfetta è la natura incontaminata o la semplicità rustica, lontano dall’eleganza. Diamo spazio al design imperfetto. Amo i gesti imprecisi, uno che inciampa, l’altro che fa urtare il bicchiere, quello che non ricorda, chi è distratto, la sentinella che non sa arrestare il battito breve … More  wabi-sabi (侘寂)

Wishlist

Questa è una storia che arriva da lontano, arriva ogni anno ed arriva puntale, tinta di verde, di rosso, narrata con la semplicità di una capanna o ricca di luci californiane. Da tutti viene colorata ed arricchita da tante spunte, spunte di desideri scritti su liste appese ai verdi rami o in ricolme cassette bianche. La … More Wishlist

Balla (toio)

Il portone d’ingresso è molto discreto. Piccolo, in legno deteriorato o in acciaio, cigolante all’apertura e poco accattivante. Lo apro. Ed eccomi qua, seduta a teatro. Il sipario si è spalancato e il palcoscenico è occupato da una scenografia imponente che avvolge un cortile centrale.  Le singole abitazioni sono distribuite su più piani (da tre … More Balla (toio)

Lagom

Mi snodo nel groviglio di vicoli di Gamla Stan bevendo il mio Glögg caldo. Il freddo punge, il mare infastidisce un veliero ancorato e il grigio del cielo si specchia negli occhi di L. che diventano sempre più chiari. Le gambe infreddolite muovono chilometri e come calamite vengono risucchiate all’interno dei numerosi negozi che emanano caldo tepore. Come costellazioni nelle sere di … More Lagom