Quelli lì sono proprio “strani”

Le tazze da thè di quel mercatino di Siviglia sono già sul tavolo, sui vetri il vapore si diverte a dipingere un nuovo paesaggio ed io, comoda nelle mie ciabatte blu prendo due bustine di english afternoon.

La coperta che dieci anni fa si era cucita, scalda le gambe di R. e la riporta là, là dove la mente è rimasta, dove le mani lavorano veloci la maglia mentre le galline entravano arroganti in cucina.

Oggi, cara R., tante cose sono cambiate.

Oggi, cara R., ti racconto delle cose strane.

Vieni, siediti qua, appoggiati sul tuo colore preferito che usavi solo per i “cappotti della festa” mentre oggi, nudo nel bianco, da solo, si presenta,

untitled

quel blu inteso che si perde fino al verde che ti entra nelle ossa e rimane avvinghiato come edera velenosa.

b9a8283c1b3ee5432a47a8b0cb4ccc6b

untitled2

Oggi, prendo il tinozzo che usavi per lavare i panni di tutti i tuoi nove figli e lo capovolgo.

Guarda R. pennellato d’oro illumina i tuoi nipoti.

eda1d9fa3c56ad8c26f7b22f9705fce2.jpg

Ci sono forme senza nome e oggetti fuori dai cataloghi. C’è l’esplosione del creare e dell’ideare che nasce dall’unione di idee donando incredibile leggerezza.

Ti ricordi R. il ritratto di nonna Pia che mi mostrasti durante un faticoso cambio armadio estivo?

Quel ritratto R. è stato rubato dalla polvere, inghiottito e malmenato.

Un uomo strano l’ha trovato e omaggiato di libertà e colore, oggi cara M. è nella stanza dove le bimbe sognano.5fc4811b327f1eba1bdb7537f27367931.jpg

f10ea11cedc2c843f0460534468d5fd4

Perché in fondo R., forse è il sognare che rende possibile tale realizzare.

Tutti gli uomini sognano, a modo loro.

c1fa50e19b6e780899b00907543f057f

Ci sono quelli che sognano di notte nei polverosi recessi delle loro menti si svegliano al mattino per scoprirsi nel letto.

E ci sono i sognatori di giorno, e quelli R. sono persone pericolose.

e5e16d4a9cba97ab87d5aec56bf6c8a6.jpg

Possono agire sul loro sogno con occhi aperti, possono pensare “cose strane” e se poi possono rendere possibili, realizzabili i loro sogni, allora R. diventano davvero minacciosi.

62d5690cf1b1a4ba462506f299d2c243

Amano il rischio e fanno cose che intanto “non sono mica possibili”.

e9350775f24d17feeb3a8265df939aba

 

Hai ragione R. sono strani, ignorano le criticità di chi teme l’evoluzione, dialogano tra ombre e luci alla ricerca di nuovi sguardi.

Animati da un fluttuare di idee incontrastate rimbalzano sugli spigoli della paura, della pigrizia, della monotonia e generano stelle danzanti.

Sognano, quindi vivono e cambiano,

il mondo,

di tutti noi.

 

Buonanotte sognatori,

continuate a creare

che il mondo avrà sempre sete di voi.

cropped-img_9689.jpg

 


20 thoughts on “Quelli lì sono proprio “strani”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...