Up & Up

A forza di stare col naso all’insù si possono fare strani incontri.

Mi leggevano, della bambina senza nome che stava sempre col naso all’insù.

Io nana e lei curiosa, in cerca risposte  che solo la saggia e alta gru che vedeva da vicino il “sapere” poteva dare.

Col naso all’insù si capiscono tante cose, anche quelle difficili.

dcfc89a2527620dcdfded0eb58bf2e8b

Mi 4f6aeba89af89f89062339fe19e9dc01.jpgdicevano, dei pittori dagli strani nomi che dipingevano stando sempre con il naso all’insù.

Io curiosa e loro talenti, direttori d’orchestra per cupole e volte. Sapevano far parlare i cuori, emozionarli con colori disegni e strutture.

Col naso all’insù si realizzano idee, anche quelle difficili.

Mi alimentano, quei luoghi dove poter captare e mischiare idee, perchè ovunque vado mi piace ancora oggi, stare sempre col naso all’insù.

Col naso all’insù Rebecca Louise Law crea un giardino pubblico sospeso nel centro commerciale Bikini a Berlino e altri 2000 fiori soffiati a mano colorano il Bellagio (Las Vegas).

Rebecca-Louise-Law.jpg

s6nr9VK.jpg

Col naso all’insù mangio sushi da Nozomi a Valencia.

Dicono che il sushi è afrodisiaco, allora forse lo è davvero, perchè io qua dentro mi perdo. Il legno naturale contrasta i pavimenti e le pareti scure accerchiato da bianchi fiori di ciliegio pendenti.

Restaurante-Nozomi-Sushi-Bar-1.jpg

Il loro giardino zen nella mia testa, il legno, le luci ed il movimento verticale nel salotto e nel corridoio.

Un’opera di restauro che inizia, per il salotto, con una contro soffittatura in cartongesso interrotta in mezzeria. Travi in legno incastrate all’interno e lampade pendenti muovono e scaldano un moderno spazio di relax.

Pannelli chiari, alternati a led, muovono invece i soffitti dei corridoio incuriosiscono e danno individualità ai spazi colleganti i vari interni.

A voi degli spunti, facilmente realizzabili, con il naso all’insù.

 FullSizeRender.jpg

Mentre il corridoio si muove con pannelli chiari, alternati a led, incuriosiscono i soffitti  e danno individualità ai spazi colleganti i vari interni.

Documento1.jpg


19 thoughts on “Up & Up

  1. Mi hai riportato a mente la lezione di Terragni e un Carlo Scarpa a Verona nel museo di Castelvecchio.
    Tu sai bene quanto rivoluzionario sia quanto dici e mostri così bene quando i nasi sono incollati agli smartphone. 🙂

    Mi piace

  2. Hai ragione, guardare il mondo con lo sguardo rivolto verso l’alto ci fa apparire tutto diverso. Io quando vado in macchina amo coricarmi sul seggiolino dietro e guardare il paesaggio sfrecciare veloce dal finestrino: luci, finestre, case, alberi e nuvole sono davvero speciali se li guardi col naso all’insù!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...